Cartagena Colombia

10 consigli da seguire a Cartagena 16


Cartagena è imperdibile.

Inondata di turisti tutto l’anno, è sicuramente la meta più famosa (e turistica) della Colombia. E come in molte parti del mondo, anche qui, dove circolano tanti turisti, circolano anche tante “sole”.

E’ bene non rilassarsi troppo e stare attenti alle fregature. Ecco quindi alcune dritte che vi consiglio di seguire per non rovinarvi il viaggio!

1.Mai e poi mai cambiare i soldi per strada.

Cartagena ha tantissime banche e uffici di cambio, inoltre gli hotel più grandi offrono anche il servizio di cambio. Non è difficile trovare un bancomat dove poter ritirare direttamente pesos, quindi perché affidarsi al marcato nero in strada? Per risparmiare un paio di euro? E poi ritrovarvi con un mazzo di banconote false?

Inoltre le carte di credito sono accettate un po dappertutto, ma se pagate in contanti avrete sempre uno sconto!

2. Un posto che merita di essere visitato è il Convento de la Popa, ma per nessun motivo al mondo andateci a piedi! Per arrivare al convento si passa per forza da una zona poverissima di Cartagena, nella quale non vorreste mai e poi mai ritrovarvi a camminare. Prendete un taxi, sia all’andata che al ritorno. Vi costerà il corrispettivo di davvero pochissimi euro.

3. Playa Blanca è carina, ma non bellissima. Esistono innumerevoli gite, barche, tour che passano o vi portano a Playa Blanca. La sola è dietro l’angolo, anzi, è proprio davanti a voi, pronta a essere servita in un piatto d’argento!

Il tour con la lancha (una barca che corre come un motoscafo che si è dimostrato come l’unico vero pericolo in Colombia) costa sui 65/70.000 pesos e include la visita alle Isole del Rosario (che vedrete dalla barca), il pranzo a base di pesce e arroz al cocco, e 3 ore di finto relax a Playa Blanca – dico finto relax perché sarete circondati da orde di turisti, bambini che gridano e pazzi che girano in motoscooter a due metri dalla riva.

Playa Blanca Colombia

la realtà a Playa Blanca: orde di turisti e mare che lascia a desiderare

Questo tour potrebbero venderlo tranquillamente a 95.000 pesos + tassa portuale. E se posso darvi un consiglio spassionato: evitatelo.

Io l’ho fatto, ma non lo rifarei mai! E’ super turistico, e vieni trattato proprio come un turista: ogni occasione è buona per spillarti soldi!

Potete arrivare a Playa Blanca anche in bus (circa 1 ora e mezza di viaggio) e se potete alloggiate là per la notte. Dopo le 4 del pomeriggio, quando tutte le barche di turisti se ne saranno andate, potrete godervi la spiaggia in solitudine e vero relax!

Per dovere di cronaca vi informo che il mare, seppur di un colore azzurro pastello, non è bello e cristallino come ci si immagina. In più l’acqua è leggermente melmosa! Vero è che il mio termine di paragone da Sarda, è difficile da superare, quindi sono sempre molto critica su mare e spiaggie!

4. Va bene concedersi una cena in ristorante, ma occhio ai ristoranti, specie quelli in centro storico! In molti, i prezzi sono quelli di un ristorante europeo di medio-alto livello. Io per esempio sono stata alla Central Cevicheria e ho mangiato una delle Ceviche più buone ever! Il prezzo non era economico (ma lo sapevo): due ceviches, una bottiglia d’acqua e una birra sono costate il corrispettivo di quasi  50 Euro. Un salasso.

La cosa buona è che ero preparata, ma io volevo andare a mangiare proprio lì perché sapevo che era una delle migliori in Colombia.

Nella maggior parte dei ristoranti il menù è esposto fuori, quindi potrete consultare prima di sedervi. Aspettatevi comunque di pagare una cifra abbastanza alta.

Se volete tenervi su cifre più locali, dovete andare nel quartiere di Getsemanì. Covo di ostelli per backpackers (anche io alloggiavo qui!) offre diversi locali e ristorantini non male a prezzi decisamente più umani. Non fatevi spaventare dalle strade meno pulite e dai colombiani che bazzicano la zona che vi squadreranno da capo a piedi e, se siete donne, se ne usciranno con un “oye mami que guapa eres…” ignorateli, è l’arma vincente!

La Laguna Azul è una cevicheria a buon prezzo e nominata anche come una delle 5 migliori di Cartagena.

Un’altro ristorante che non ho (ancora) provato ma che ha suggerito Paola di Scusateiovado.com qui si chiama Coroncoro e si trova in Cra. 10 #39-22. Dall’atmosfera molto friendly e molto alla  buona, si mangia tutti assieme allo stesso tavolo e il pezzo forte  è il pesce, che a dirvi la verità, vi ritroverete sempre in mezzo ovunque andate nella Costa Caraibica: mojarra con arroz de coco e pataccones.

mojarra Colombia

 

5. Lo street food è sempre la soluzione più economica, ma per quanto buona, può celare dei segreti che solo voi e il bagno potrete condividere!

Buonissima è la frutta delle Palenqueras, che per 5000 pesos vi faranno un piattone di frutta mista. Occhio perché le Palenqueras sono nate furbe: innanzitutto non si faranno fotografare se non comprate la loro frutta (della serie: inserisci il gettone e lei si muove), se  fate una foto senza comprare fatelo di nascosto, o vi dirà contro qualcosa, infine sappiate che anche con loro dovrete contrattare. Infatti vi spareranno una cifra dai 10.000 ai 15.000 pesos per lo stesso piatto di frutta che io le ho contrattato per 5.000!

Per il resto affidatevi un po alla buona sorte. Io ho mangiato l’aragosta presa da un tipo che aveva un tavolo sulla riva del mare, e nonostante le mosche che giravano intorno (e lui tentava di tenerle lontano scacciandole con un giornale) non mi è successo nulla.

street food Cartagena

l’aragosta servita fresca in spiaggia

Il giorno dopo ho mangiato uno spiedino di carne intinto in un “olio segreto” e la notte ho visto gli spiriti!

Come direbbe Fabrizio Bracconeri: TERIBBBBILE!!

6. Attenti alle attenzioni di donne, ma anche di uomini….

Una triste realtà di Cartagena è il grande tasso di prostituzione. Purtroppo esistono uomini capaci di andare in vacanza solo e unicamente con l’intento di trovare compagnia, in cambio di soldi.

E allo stesso tempo esistono ragazze, donne e purtroppo anche bambine, disperate, che vendono se stesse a volte per soldi, e a volte in cerca di un uomo che si innamori per regalarle una vita migliore lontano dalla loro realtà.

Diffidate quindi delle troppe attenzioni, sia che siate uomini che siate donne.

Poi oh, mai dire mai. La mia migliore amica ha attaccato bottone con uno che la fissava in spiaggia e un anno dopo si son sposati ( vero amore!)….ma questo succedeva in Tailandia, non in Colombia! 😛

7. Non date soldi ai bambini. A Cartagena ci sono dei quartieri davvero poveri. Se farete una delle gite in barca di cui parlavo prima, sicuramente alcuni bambini con la canoa verranno vicini per…..spillarvi soldi. Voi potreste addolcirvi perché sono bambini, e magari fargli una foto. Bene, pretenderanno soldi indietro.

Se voi gli date qualcosa vi ritroverete circondati da decine di altri bambini che vorranno anche loro qualcosa. Se pensate di riuscire a gestirli tutti, fate voi…

 

8. Se volete stare lontano dai problemi, non cercate droga. Sia ben chiaro: se andate per cercarla, sarà non solo facile trovarla, ma, a detta di alcuni, super economica rispetto all’Europa. Non mi sono mai interessata quindi non posso consigliarvi in materia.

La droga è illegale in Colombia, oltre ad essere un’offesa per tutto il popolo colombiano. Evitate.

9. Andateci piano con l’alcool. L’atmosfera di festa, il calore estivo e l’allegria di Cartagena vi porteranno a fare serata ed è probabile che berrete qualche birra in più o manderete giù un bel po di aguardiente. Tuttavia cercate di rimanere sempre coscienti e consci di quello che vi accade e che vi circonda: usate la testa!

10. Rifiutate gentilmente qualsiasi cosa vi propinino in spiaggia!

Se pensavate che in Italia i venditori di cocco, acqua, asciugamani, costumi, gioielli e occhiali da sole fossero troppi…..be allora non immaginate la spiaggia di Cartagena cosa sia!

Oltre ai classici che già conosciamo, si aggiungono massaggi, arepas, helados, frutta, jugos, aguardiente (sì, in spiaggia!), mochillas, collane, collanine, braccialetti, foto ma anche acconciature, treccie, treccine e ancora tour e gite a prezzi “convenientissimi” (=sola!).

Il bello è che ti fanno passare tutto per regalo “oye princesa mira esa mochilla bonita te la regalo por solamente $$$$ pesos”. ndr: il verbo regalar in colombiano si usa in qualsiasi conversazione e significa semplicemente dare, in realtà non si regala proprio nulla!! 

Andy di Southamericaliving.com in questa intervista racconta di come è stata “fregata” in spiaggia per non aver prestato abbastanza attenzione!

Detto questo, Cartagena è una bellissima città in cui vale la pena spendere qualche giorno. E prendendo le giuste precauzioni potrete passare delle giornate indimenticabili, grazie sopratutto ai fantastici Cartageneros!!

 

 

Incolombia.it

The following two tabs change content below.
Roberta

Roberta

Travel blogger, sarda e viaggiatrice. Grazie ad un amore ha scoperto un amore ancora più grande: la Colombia. Quando non sta sperimentando una nuova ricetta culinaria, o mangiando qualcosa di etnico e rigorosamente gluten free, la trovate a bruciare i grassi tra lezioni di zumba e salsa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

16 commenti su “10 consigli da seguire a Cartagena

  • Gianni Grumiro

    Sono andato in Colombia un paese meraviglioso. Non ho mai creduto a chi mi diceva che era pericoloso, Sono stato a Bocota’ Medelin e Cartagena un consiglio che vi do evitate i venditori per le strade sono dei truffatori e invadenti. Ciao a tutti Gianni S big

    • Roberta
      Roberta L'autore dell'articolo

      Ciao Gianni!
      Sono felice ti sia piaciuta la Colombia, è un Paese fantastico!!
      I venditori, specie a Cartagena sono abbastanza pesanti! L’importante è ripetere sempre sempre sempre “no gracias”!! 😉
      Un abrazo

  • Marcus

    Sono italiano, felicemente sposato da 10 anni con una ragazza di Cartagena, conosciuta e sposata a Cartagena.
    Una città fantastica e piena di vita ormai la mia seconda patria.
    La consiglio vivamente.
    Ciao….. e chi lo sà magari ci incontreremo proprio a Cartagena un giorno.

      • Navy

        HOLA ROBERTINA AAHHA…IN COLOMBIA MI SONO TROVATO SEMPRE BENE….ANCHE NEI PEGGIOR LUOGHI DOVE TELECAMERE,CELLULARI ECC..NON POTRANNO MAI ENTRARE …LA COLOMBIA E’ IL MIO SECONDO PAESE…Q VIVA MI TIERRA QUERIDA…LA COLOMBIAAAA …JEJEJEJE…

  • Fabio

    Ciao Roberta bello questo blog!
    Stiamo venendo in Colombia con un mio amico in giornata, abbiamo 50 anni, e siamo 2 persone che amano divertirsi ma tranquille. Scenderemo prima a Medellín a trovare un nostro amico, poi indecisi se andare Cartagena-Barranquilla o San Andres-Providencia. Se ti va, dammi un consiglio tu. A buon rendere, e a presto. Grazie!
    Fabio

    • Roberta
      Roberta L'autore dell'articolo

      Ciao Fabio
      entrambe meritano una visita. San Andres e Providencia hanno il mare più bello (simile alla Sardegna!). Cartagena ha un centro storico molto bello ma il mare non è nulla di che, mentre Barranquilla merita se ci passi per il carnevale (ovvero questa settimana!).
      Buon viaggio!

  • Romano

    è vero i venditori sono invadenti, peró pochi.
    a Isla Blanca scendendo dalla lancha con la quale siamo arrivati due venditori di ostriche hanno iniziato letteralmente a mettermi ostriche in bocca dicendomi, regalo de bien venida, io non volevo, loro però, in pratica me le mettevano in bocca, per educazione e non sputarle lo ho deglutite. Dopo qualche ostrica uno dei due mi ha chiesto 185’000 Pesos. Sono scoppiato a ridere e gli ho dato 5’000 dicendo “cinco, no màs” si sono dovuti accontentare!
    Ho una casa in Colombia (Popayan) fuori città, in campagna, e ci vado di frequente, non ho mai avuto nessun problema, è un paese civile, la gente educata, molto più libera che qui da noi (Svizzera) più contenta. Se devi darvi un consiglio per quello che ho vissuto a Cartagena; evitate di andare nell’albergo di Isla Bomba, non per l’alberghetto, che in sé è bello e tranquillo, ma perché, fuori dallo spazio dell’albergo, non si può andare, sporco, pericoloso, inospitale.

    • Roberta
      Roberta L'autore dell'articolo

      Grazie per aver condivisola tua esperienza Romano! Un abrazo!
      ps. io le ostriche gliele avrei vomitate in faccia, mi fanno S-C-H-I-F-O che detto da una sarda è un po’ un’eresia lo so, ma “de gustibus” 😛

  • nonna franca

    ciao Roberta il tuo blog mi è utilissimo ,sto organizzando un viaggio di due mesi in Colombia con mio marito, siamo due vecchietti pimpanti ..ma non troppo mondaioli, mi sai consigliare un paesino o cittadina poco turistica, tranquilla e ospitale con mare cristallino come quello della tua bellissima sardegna da poterci fermare per una quindicina di giorni, poi conto di girare per il resto del periodo.
    anche il budget è importante stando via a lungo, quindi non dovrebbe essere troppo caro.
    ti ringrazio tantissimo e mi complimento per il tuo utilissimo blog. grazie ancora

    • Roberta
      Roberta L'autore dell'articolo

      Ciao Franca,
      il mare cristallino come quello della mia bella Sardegna lo trovi solo a San Andrés! L’isola merita sicuramente una visita di 3-5 giorni per esplorarla e rilassarsi in spiaggia! Come base per girare ti direi Santa Marta anche se il mare non è il massimo, però puoi raggiungere facilmente il Parco Tayrona, La Guajira (bellissima, non perdetevela!) e Cartagena ed esplorare la zona circostante come Minca, che è un paesino a un’ora da Santa Marta immersa nelle montagne della Serra Nevada o Playa Blanca, che è accessibile solo in barca dalla spiaggia del Rodadero.
      La Colombia vi piacerà tantissimo! 🙂