Viaggiare

Il viaggio continua… 3


Mancano meno di due settimane e io non me n’ero accorta.

Tre mesi fa quando quell’aereo ha preso la rincorsa e si è alzato in volo sopra Bogotà per riportarmi in Europa avevo solo una certezza: che sarei tornata in Colombia. Non sapevo quando, non sapevo come, ma sapevo, e so’ tutt’ora, che la Colombia è lì, nella mia strada, e che ancora tanto, tantissimo amore c’è sia da parte mia che da parte sua, e so che i nostri destini in qualche modo, saranno assieme in futuro. Non so per quanto, o quando. So solo che sarà così.

Bogotà, Colombia

In volo, sopra Bogotò

Tra meno di due settimane attraverserò un’altra volta l’ Oceano, e mi ritrivorerò nuovamente in Sudamerica, per continuare quel viaggio che è iniziato diceci mesi fa. Un viaggio non solo fisico, da Londra alla Colombia, dalla Colombia all’Italia, dall’Italia nuovamente in sudamerica. Ma un viaggio interno, un viaggio di crescita, di scoperta.

Molte persone mi chiedono: ma perchè?

Deve esserci per forza un perchè? O meglio, devo dirti per forza il mio perchè?

La mia risposta raramente viene capita, molte volte derisa o criticata, spesso alle spalle, raramete in faccia.

Perchè voglio conoscere, scoprire, perchè il mio viaggio non è finito, perchè ancora non sono arrivata, perchè ho ancora bisogno di tempo. Che male c’è? Perchè ogni volta devo avere “paura” di dire i miei progetti, di parlare della cosa che mi rende più felice al mondo: viaggiare.

La società si aspetta che a 35 anni si abbiano le idee chiare, che si pensi solo a lavorare, che si sia accoppiati e che una donna faccia quello per cui si “suppone” sia stata creata: riprodurre.

A 35 anni io le idee ce le ho chiarissime: voglio viaggiare.

E poi?

Dobbiamo sempre chiederci cosa succederò dopo? Non possiamo solo vivere il presente?

“La pensione. Il lavoro. La casa. La famiglia. Finirai per sempre sola. Chi si occuperà di te?”

Io non lo so, Non ho risposte a queste domande.

Mi preoccupo talmente poco di quello che sarà, che solo oggi, che mancano meno di due settimane a riprendere il mio viaggio, ho realizzato che devo ancora fare assicurazione, rinnovare la carta e comprare le lenti a contatto. Sono disorganizzata? No. Sto solo vivendo la mia vita secondo la prospettiva reale: quella del presente.

(Che poi, come mi diceva mia madre, le lenti a contatto le vendono anche in Sudamerica!)

il viaggio continua

Il viaggio continua…

Un anno fa ero terrorizzata dal mio viaggio in Colombia. Avevo paura di avere paura.

E cosa è cambiato in 10 mesi?

Oggi non ho paura,o meglio, ho paura, ma questa volta è diversa.

Come puo’ la paura avere diverse facce?

C’è quella paura di quando salti per tuffarti e non vedi il mare, perchè c’è la nebbia, ma sai che lì giù il mare comunque c’è. E poi c’è la paura in cui la nebbia non c’è, come adesso per me, e vedi il mare, ma vedi che è tanto lontano, e ti chiedi se arriverai tutta di un pezzo quando toccherai il mare. Ma non puoi vivere con il dubbio. E allora prendi la rincorsa, ti tappi il naso, chiudi gli occhi e ti butti, urlando. Forse arriverai tutta di un pezzo e farai “splash” o forse ti romperai prima, o all’impatto, ma per la forza di gravità arriverai comunque dentro al mare, e per l’impatto farai comunque “splash”.

E allora lassù la paura inizia a calare, ti tranquillizzi, tiri un sospiro profondo, prendi la rincorsa, ti tappi il naso, chiudi gli occhi, e col sorriso, ti butti.

Viaggiare

Da novembre riparte il mio viaggio. Se volete seguirmi, viaggiare con me, avere consigli, o semplicemente farvi i cazzi miei, iscrivetevi alla newsletter e seguitemi con gli hashtag #losviajesdelachiva e #robyinsudamerica

Un abrazo!

The following two tabs change content below.
Roberta

Roberta

Travel blogger, sarda e viaggiatrice. Grazie ad un amore ha scoperto un amore ancora più grande: la Colombia. Quando non sta sperimentando una nuova ricetta culinaria, o mangiando qualcosa di etnico e rigorosamente gluten free, la trovate a bruciare i grassi tra lezioni di zumba e salsa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 commenti su “Il viaggio continua…